EconomicamenteAnalisi di mercato di Picodi.com

Indice della benzina: quanta benzina puoi comprare con uno stipendio medio in Italia e nel mondo?

PicodiAgosto 18, 2020

Il team di Picodi.com ha monitorato il cambiamento dei prezzi della benzina in decine di paesi in tutto il mondo e ha calcolato quanti litri di carburante un italiano medio può permettersi nel 2020.

Benzina più economica

A causa della volatilità dei prezzi sul mercato dei carburanti, simile a un anno fa, abbiamo raccolto dati sui prezzi della benzina nella prima metà dell’anno. Su 42 paesi europei considerati, in 39 paesi i prezzi della benzina nella prima metà del 2020 erano in media inferiori rispetto al 2019. I maggiori decrementi sono stati registrati in Bosnia Erzegovina (−17,8%), Ucraina (−15,4%) e Romania (−14%).

In Italia, i prezzi della benzina sono diminuiti del 6% (31o posto). Riduzioni leggermente minori sono state registrate dai consumatori nel Regno unito (−5,7%), Albania (−4,9%), Andorra (−4,8%) e Estonia (−4,3%).

È interessante notare che in Russia il prezzo è leggermente aumentato (dello 0,8%) rispetto all’anno precedente, mentre in Bielorussia la benzina è cresciuta del 12,4%.

Indice della benzina 2020: chi può fare più rifornimenti in Europa?

(facendo clic sulle frecce vedrai i dati dei restanti 41 paesi)

Gli abitanti della Russia possono godere della benzina più economica d’Europa – lì, il prezzo medio della benzina in rubli è di 58 centesimi. Gli olandesi pagano di più per il gas – 1,62 €.

Abbiamo confrontato i prezzi medi della benzina nella prima metà del 2020 con gli ultimi dati sui salari medi. Per il secondo anno consecutivo, Svizzera e Lussemburgo possono vantare il miglior rapporto tra il prezzo di un litro di benzina e il salario medio nel continente europeo. Lo stipendio medio consentirà ai residenti di questi paesi di acquistare rispettivamente 3.795 e 3.320 litri di benzina. Anche la Danimarca è salita sul podio con 2.484 litri.

In Italia, secondo gli ultimi dati JobPricing lo stipendio medio è di 1364 euro netti. Ciò significa che lo stipendio medio italiano consente l’acquisto di 929 litri di carburante (20o posto nella classifica). Sono in testa agli italiani in questa classifica, tra gli altri Malta (939 litri) e Spagna (1.127 litri). D’altra parte, Ungheria (745 litri), Slovacchia (694 litri) e Grecia (632 litri) sono state classificate ai livelli più bassi.

Gli ultimi tre posti nella nostra classifica sono occupati da Moldavia, Ucraina e Albania, dove i salari medi in questi paesi valgono rispettivamente 352, 345 e 239 litri.

Classifica dell’indice mondiale della benzina

(scorri con il mouse sopra un paese per vedere le informazioni al riguardo)

Nella classifica mondiale, i paesi della penisola arabica occupano le posizioni principali. In Arabia Saudita, Qatar e Kuwait con lo stipendio medi puoi acquistare tra 5.112 e 8.210 litri di benzina. Vale la pena ricordare, tuttavia, che i kuwaitiani possono permettersi 139 litri in meno rispetto allo scorso anno. A loro volta, i sauditi e il Qatar si accumuleranno nel 2020 rispettivamente 4.933 e 1.602 litri in più rispetto al 2019.

La situazione peggiore è a Cuba, dove il salario medio vale solo 28 litri (un aumento di 2 litri). Nonostante il Tagikistan e lo Zambia accompagnino Cuba in fondo all’elenco, i loro abitanti possono accumulare fino a sette volte più carburante dei cittadini dell’isola caraibica, rispettivamente 151 e 219 litri, rispettivamente.

Si scopre che essere un magnate del petrolio non si traduce sempre in un accesso più facile ai prodotti petroliferi per i residenti. Questo è il caso, della Nigeria, il paese dove viene estratto il maggior numero di petrolio grezzo per quanto riguarda l’Africa. Pur avendo uno dei prezzi della benzina più bassi al mondo (0,31 €), lo stipendio medio relativamente basso di 165 € non consente ai nigeriani di acquistare troppi litri, solo 539. Allo stesso modo, il paradiso petrolifero europeo, la Russia. In un paese che è il secondo maggiore produttore di petrolio al mondo, con un salario medio si può acquistare solo 919 litri.

Interessante è il caso del Venezuela, in questo paese sudamericano sono stati introdotti limiti di acquisto per un importo di 120 litri pro capite al mese ad un prezzo di circa 0,023 euro/litro. Al di sopra di questo limite, è possibile acquistare al prezzo “di mercato”, ovvero 0,45 euro/litro, e solo a 200 stazioni nel paese. I nostri calcoli mostrano che il salario medio in Venezuela è sufficiente per soli 148 litri di benzina (120 litri di sovvenzioni e 28 litri di carburante a pieno pagamento, il che è un drastico calo rispetto al risultato dello scorso anno, di oltre 14 miliardi di litri.

Note metodologiche

Questo studio utilizza le ultime retribuzioni medie pubblicate sui siti Web di governi, uffici o ministeri competenti. I prezzi medi della benzina per la prima metà del 2020 in oltre 100 paesi in tutto il mondo provengono da globalpetrolprices.com e da altre fonti locali. Per ottenere il numero di litri, abbiamo diviso lo stipendio netto medio per il prezzo medio per litro di benzina. Le tariffe medie degli ultimi 90 giorni sono state utilizzate per la conversione.

Uso pubblico

Vuoi condividere con i tuoi destinatari informazioni sui prezzi della benzina e sui salari medi in Italia e nel mondo? Sei libero di utilizzare l’infografica presentata nel rapporto e di distribuire i risultati e le conclusioni del rapporto per scopi sia commerciali che non commerciali con un’indicazione della paternità dello studio (Picodi.com) con un collegamento a questa sottopagina. Per copiare il codice info-grafico interattivo, fai clic sull’icona nell’angolo in alto a destra dell’infografica. In caso di domande, non esitate a contattarci: research@picodi.com.